Frontpage Slideshow

  • 13. Essicazione A Rio Chico

    13. Essicazione A Rio Chico

  • 12. Cabosse Di Criollo Ocumare A Finca Las Bromelias A Cumboto

    12. Cabosse Di Criollo Ocumare A Finca Las Bromelias A Cumboto

  • 11. Cabosse A Cuyagua

    11. Cabosse A Cuyagua

  • 04. Cabosse Di Porcelana A Corpozulia

    04. Cabosse Di Porcelana A Corpozulia

  • 10. Chiesetta Di Chuao E Piazza Per Seccare Il Cacao

    10. Chiesetta Di Chuao E Piazza Per Seccare Il Cacao

  • 03. Interno Di Cabosse Di Porcelana Con Fava Bianca Alla Cascarita

    03. Interno Di Cabosse Di Porcelana Con Fava Bianca Alla Cascarita

  • 07. El Pedregal, Storica Piantagione Nazionalizzata

    07. El Pedregal, Storica Piantagione Nazionalizzata

  • 15. Cabosse Appena Raccolte Al Parco Di Guatopo

    15. Cabosse Appena Raccolte Al Parco Di Guatopo

  • 08. Nella Foresta Di Cepe

    08. Nella Foresta Di Cepe

Il Venezuela dei grandi cacao

Venancio Martinez a Cuyagua

Il fascino del cacao e del cioccolato diventa, per analogia, il fascino di una terra magica come il Venezuela. Scientificamente è provato che le prime piante di cacao nascono in due zone del territorio venezuelano: la specie “criollo” nella zona a sud del Lago di Maracaibo conosciuto per la qualità e la bianchezza delle sue fave, il suo sapore fruttato e la sensualità dei suoi aromi, capace di dare un cioccolato ineguagliabile, delicato e dal sapore persistente; la specie “forestero” nella conca del Delta dell’Orinoco e nella zona Amazzonica al confine col Brasile, apprezzato per la sua forza, resistenza e produttività.

Il cacao divenne così importante nel Venezuela che nel ’700 i proprietari di aziende cacaotere venivano nominati secondo la quantità di alberi di cacao che possedevano: “Don” se arrivavano a 10.000 e “Gran Cacao” con 50.000 come segno di ricchezza, prosperità e importanza, per gli abitanti, i commercianti e la stessa Corona.

Al principio del 17° secolo era il principale produttore di cacao e ora produce solo lo 0,5 della produzione mondiale ma è indiscutibile che il Venezuela è il cacao e ci dà i grani della migliore qualità al mondo. L’idea di questo viaggio, alla ricerca del grande cacao fine e aromatico, non sarebbe stata possibile senza il grande lavoro che Gianluca Franzoni, fondatore di Domori, ha sviluppato negli ultimi vent’anni alla ricerca degli straordinari “criollos” venezuelani.

Tutte le tappe di questo tour hanno avuto come obiettivo la mappatura e la selezione di alcuni cacao provenienti da zone ben specifiche che andranno a far parte dei cacao selezionati per il progetto “I luoghi del cacao” che Compagnia del Cioccolato sta portando avanti da un paio d’anni. Lo staff dei viaggiatori è composto da me, Gilberto Mora, Presidente di Compagnia, l’ideatore del progetto, Rocco Angarola consigliere d’amministrazione e direttore di Alto Cacao, i nostri collaboratori di Cacao Caracas che coordinano i campesinos produttori di cacao, i nostri referenti venezuelani di Cacao Mar e alcuni soci di Compagnia del Cioccolato.